Buongiorno carissimi lettori, oggi vogliamo dare un contributo alla seconda parte del nostro blog. Dopo aver parlato di viaggi per molti post, torniamo finalmente a parlare di merende. Lo facciamo tuffandoci di nuovo in Marocco. Vi parliamo del the alla menta marocchino e della sua particolare procedura di preparazione.

Il the alla menta rappresenta uno dei capi saldi della cultura marocchina, è una bevanda calda che “rinfresca” e favorisce i rapporti tra le persone. Il tema dei rapporti di convivialità e amicizia è ricorrente in tutte le culture del mondo per cui, prima di pensare agli aspetti pratici del the marocchino, bisogna dargli il giusto valore culturale. Questa bevanda rappresenta un momento di unione fra le persone. Non a caso in Marocco (e non solo) si corre il rischio di vedersi offrire decine di bicchieri di the durante una giornata passata semplicemente per strada. Il the è preparato e offerto nelle case, ma anche i commercianti amano condividerlo con i loro vicini di bottega, i clienti e i visitatori.

Come si prepara il the alla menta marocchino?

La lunga procedura di preparazione è il punto d’incontro fra un valore culturale che esalti il concetto di lentezza e un aspetto tecnico molto importante.
I passaggi da compiere per preparare un ottimo the marocchino sono diversi e prevedono una gran quantità di varianti e sfumature.
Si parte sempre con il riscaldare la teiera con acqua bollente, per poi risvuotarla, quindi il primo passaggio viene fatto senza the.
Dopo questa prima operazione si mettono nella teiera le foglie di the versando altra acqua bollente. Dopo qualche minuto si butta via anche quest’ultima. Il motivo di questo passaggio sta nel fatto di rendere più leggero il the, scaricando la forza iniziale della theina dalle foglie.
Nel terzo passaggio si inseriscono i rametti di menta e nuova acqua bollente, si mette la teiera sul fuoco e inizia a zuccherare.
La teiera sul fuoco non deve mai far bollire l’acqua, quindi dopo pochi minuti si può già togliere dal calore.
Prima di servire il the bisogna aspettare ancora qualche altro minuto, approfittando per correggere il gusto con un po’ di zucchero.
Infine l’ultimo passaggio consiste nell’ossigenare il the. Ciò si fa versando il the nei bicchierini posizionando la teiera ad una certa altezza, il getto produrrà schiuma e bollicine. La procedura prevede anche che il the venga travasato più volte da un bicchiere all’altro per continuare l’ossigenazione.
Questi mescolamenti sono belli e coreografici, le donne marocchine ci mettono una particolare passione e attenzione, dando agli ospiti un’importanza non comune.
A questo punto, e solo a questo punto, si può gustare un the alla menta marocchino veramente degno di questo nome.

Il posto più bello in cui abbiamo bevuto un the alla menta marocchino

Durante il nostro viaggio abbiamo bevuto diversi the in vari luoghi. Ci è stato offerto per più volte un ottimo the nel riad in cui alloggiavamo, spesso accompagnato anche con datteri. Un the molto elegante invece ci è stato servito al Latitude 31, alla fine di una cena spettacolare.
Ancora una volta il the alla menta è stato magico nell’accampamento berbero della nostra escursione nel Sahara, durante un tramonto in totale confusione con la natura.
Ma il gradino più alto del podio per il posto più bello in cui godersi un the alla menta è occupato dalla terrazza del Café de France, proprio su piazza Jemaa El Fna, a Marrakech.
Qui si respira un’aria assurda, il the diventa un compagno di meditazione, c’è solo da restare in silenzio a contemplare il caos della piazza.
Il the alla menta marocchino preso al tramonto sul piazza Jemaa El Fna ti connette con tutto lo scenario, ti porta su un altro pianeta per poi catapultarti ancora sulla Terra. Ti rende in grado solo di assistere ad uno spettacolo fatto di giochi circensi, tamburi, sonagli, colonne di fumo e odori pazzeschi.
Il sole regala sfumature diverse ad ogni minuto, le ombre del tramonto rendono magico ogni singolo istante. È stata una delle emozioni più belle vissute durante questo viaggio, una di quelle cose semplici ma che lasciano profonde radici nel cuore. Una cosa che ci sentiamo di consigliare a tutti.

Questo slideshow richiede JavaScript.

…prima di continuare ti va di darmi un piccolo aiuto per ripagarmi del lavoro fatto per scrivere questo articolo?
Basta un semplice clic  e una condivisione
 su Facebook  per farmi conoscere ai tuoi amici … A te non costa nulla e per la crescita del mio blog vuol dire molto…
Non vorrai mica tenere tutte queste importanti informazioni per te vero?

Grazie Mille !!!

Abbiamo bisogno del tuo aiuto! Se ti siamo stati utili, clicca sul MI PIACE! 

Logho di Viaggie Merende

Nel souk dei tessuti di Marrakech – Foto

Facebook Google+ Twitter Instagram Buongiorno amici carissimi. Con il post di oggi vogliamo proporvi qualche fotografia scattata nel souk dei...

I gatti di Christian Guemy, C215 in Marrakech

Facebook Google+ Twitter Instagram Buongiorno cari lettori, torniamo a parlare di Marocco interagendo con una nostra grande passione, la street art....

L’alba nel Sahara marocchino – Foto

Facebook Google+ Twitter Instagram Amici, siamo ancora qui a condividere con voi qualche foto. Torniamo ancora in Marocco in una delle escursioni...

Jardin Majorelle a Marrakech – Foto

Facebook Google+ Twitter Instagram Buongiorno amici, eccoci ancora a Marrakech. Torniamo alla ribalta sull'argomento "Jardin Majorelle" per proporvi...

jace a Marrakech, la street art in Marocco

Facebook Google+ Twitter Instagram Buongiorno amici, oggi si ritorna ancora a Marrakech per parlare di street art. Lo facciamo parlandovi di un...
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: