Una mattina ti svegli e sei preso da strane voglie, come quella di andare alla ricerca di luoghi incantati, immobili, fermi nel tempo. Luoghi in cui la storia sembra essersi bloccata e, l’orologio stesso, rimasto immutato, posizionando le sue lancette in un’ora senza inizio e né fine. L’ora della quiete. Non parliamo di nulla di sconcertante o di inquietante. Pensiamo, e non siamo solo noi a dirlo, che esistono luoghi magici ed eterni che devono essere assolutamente toccati con mano e guardati con occhi fermi e puntati proprio su quelle lancette. La tenebrosa ed affascinante Civita di Bagnoregio, uno dei più belli borghi italiani, che non a caso è stata denominata la “città che muore”.

Civita di Bagnoregio

Il particolare soprannome è dato a causa del suo perenne crollo delle pareti perimetrali che costrinse la popolazione ad abbandonarla. Civita di Bagnoregio è uno di questi luoghi definibili appunto “statici”. Qui, la storia, la tradizione, il mistero sono ingredienti fondamentali del borgo, posto sulla cima di una collinetta con intorno una profonda vallata. Il crollo delle pareti laterali della collina ha isolato il borgo dal resto del mondo. Per raggiungerlo bisogna attraversare a piedi un lungo ponte e, tra boccate d’aria fresca e un bel venticello, finalmente riuscirete a “toccare” l’ingresso della piccola cittadella.

La nostra esperienza a Civita di Bagnoregio

Noi, abbiamo optato per una breve gita, da Roma è molto comodo, sono all’incirca 100km. Armati di panini e di sana avventura, raggiungiamo il borgo, parcheggiamo la macchina a valle (gratuitamente) e, senza pensarci due volte, decidiamo di fare a piedi il tragitto fino al ponte. L’alternativa era quella di attendere il bus, ma l’attesa non faceva per noi.

Occhio al ticket

Qui, il nostro consiglio è di non acquistare subito i biglietti per l’ingresso nel borgo, ma di farlo più avanti. Infatti, noi abbiamo trovato la classica biglietteria con prezzi più ridotti,  un ticket da 1,50 euro a persona. In realtà, le vendite effettuate prima della biglietteria ufficiale non sono quelle standard per la visita del borgo. Comprendono l’ingresso ad un paio di musei di per sè molto interessanti. Il problema sorge quando vi viene proposto il biglietto più caro come unico pass d’ingresso. Ci si accorge poi che più giù avreste potuto acquistare lo stesso il singolo ingresso al borgo per un prezzo nettamente inferiore.
Cari compagni, a parte questi piccoli dettagli e consigli, il borgo merita tutte le vostre attenzioni. Munitevi di macchine fotografiche e preparatevi per catturare ogni angolo del meraviglioso borgo. Qui, la mano degli Etruschi e Romani ha lasciato il segno, qui, le case medievali, la casa natale di San Bonaventura e la Chiesa di San Donato sono testimonianza di un popolo molto religioso. Ma, la città che dorme, offre degli scorci e delle vie molto suggestive, così come dei sapori particolari. Ci sono molti ristorantini che propongono cibi tipici, legati alla tradizione del luogo. Le cose da dire sarebbero tante ma il bello di una breve gita è scoprire personalmente non solo le architetture del luogo ma anche le sensazioni trasmesse da un borgo così oscuro, silente ma, paradossalmente vivo.
Insomma ragazzi, sognate e, lasciatevi tentare dalla tenebrosa e affascinante Civita di Bagnoregio e, soprattutto, raccontateci le vostre emozioni.

Ponte di Civita di Bagnoregio

Ponte di Civita di Bagnoregio

…prima di continuare ti va di darmi un piccolo aiuto per ripagarmi del lavoro fatto per scrivere questo articolo?
Basta un semplice clic  e una condivisione
 su Facebook  per farmi conoscere ai tuoi amici … A te non costa nulla e per la crescita del mio blog vuol dire molto…
Non vorrai mica tenere tutte queste importanti informazioni per te vero?

Grazie Mille !!!

Abbiamo bisogno del tuo aiuto! Se ti siamo stati utili, clicca sul MI PIACE! 

Logho di Viaggie Merende

La fioritura dei ciliegi al Giardino Giapponese di Roma

Facebook Google+ Twitter Instagram Buongiorno a tutti i lettori. Qualche mese fa vi abbiamo parlato di un Giardino Giapponese immerso nel cuore di...

La Magna Via Francigena siciliana

Facebook Google+ Twitter Instagram Un antico cammino finalmente riscoperto, da giugno la Magna Via Francigena siciliana tornerà a collegare Palermo...

Un passaporto per Matera 2019

Buongiorno amici, oggi si parla ancora di Matera, città che si appresta a vivere il suo anno da capitale europea della...

Gino Sorbillo a Roma, vera pizza napoletana nel centro della Capitale

A noi piace tanto camminare nel centro di Roma, ogni giorno è possibile scoprire uno scorcio nuovo. Spesso accompagniamo le...

L’olio biologico dell’Agriturismo Cornieto

Facebook Google+ Twitter Instagram Buongiorno amici, oggi vogliamo parlarvi di un'esperienza particolare fatta durante il blogger tour l’Umbria che...
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: